La Nostra Storia

La realizzazione della pista di ghiaccio con refrigerazione artificiale venne portata a termine nell'inverno 1983.
I primi approcci con l'hockey iniziarono nel febbraio del 1984 con la costituzione di un comitato promotore che decise l'apertura delle iscrizioni per i giovani in maggiore età, disponibili alla formazione di un primo collettivo.

La partecipazione fu superiore alle aspettative. Venne incaricato il maestro di pattinaggio Degani Fulvio che in poco tempo ottenne risultati significativi, favoriti dalla volontà dei ragazzi.

Nel febbraio del 1984 vennero impartiti in pista i primi fondamentali tecnici sotto la direzione di Michael Ruppert. Fu commissionato ad un esperto designer il marchio del Club che include le 3P di Pinzolo, l'orso di Madonna di Campiglio e la Val Rendena.

Il Team, dopo pochi allenamenti, era carico e pronto per un confronto sul campo.

il 15 aprile 1984 venne organizzato un incontro amichevole contro H.C. Val di Sole sotto lo sguardo incuriosito di un numeroso pubblico.

Nello stesso periodo venne chiamato il prestigioso giocatore di Serie A Marck Stukey per prendersi cura della parte tecnica. Nell'estate del 1984 iniziarono gli allenamenti dei ragazzi della squadra allievi.

Con un pò di spregiudicatezza fu presa la decisione di partecipare al 1° campionato Trentino di Hockey. Nel ruolo di allenatore/giocatore fi incaricato Orlando De Toni, ex Nazionale con fama di difensore duro e tenace, al quale venne affiancato Emilio Bartoli, attaccante esperto e modello di sportività per l'intero collettivo.

il Valrendena si piazzava subito al vertice della classifica, mantenendo tale posizione per buona parte del girone di andata e ritorno, cedendo il primo posto nelle ultime partite.

Nell'estate del 1985 la preparazione delle squadre senior, allievi e baby furono affidate all'allenatore Egon Mur, affiancato da Tigliani Romeo, ex portiere della nazionale, e dal maestro Degani per il perfezionamento del pattinaggio.

Nella stagione agonistica 1985/1986 fu dato l'incarico all'allenatore Johnny Misley, formatosi nella scuola canadese, la cui preparazione professionale diede un nuovo impulso al Club con interventi nelle scuole per rinforzare il settore giovanile. Nella stagione agonistica 1986/1987 l'allenatore Johnny Misley venne riconfermato.

Nella stagione agonistica 1987/1988 l'incarico di allenatore fu affidato a Felc Albin.

Un team Under 12 viene iscritto al campionato regionale mentre la prima squadra partecipa al campionato Nazionale di Serie C.

Nella stagione agonistica 1988/1989 il team venne affidato a Josef Kaiser. La società iscrive l'under 11 al campionato provinciale l'under 15 e la serieC al campionato regionale.

Nella stagione agonistica 1989/1990 il coach Jonny Misley portava le squadre under 17 al campionato regionale, l'under 9-11-13 a quello provinciale e la prima squadra seniores al campionato nazionale categoria B 2.

Anche il settore giovanile registrava notevoli progressi,. Ben quattro giocatori vennero scelti dal comitato FISG per formare il collettivo che ha rappresentato il Trentino alle finali nazionali dei giochi della gioventù.

Nella stagione 1990/1991 con l'allenatore statunitense Keit McAdams le categorie erano under 9-11-15 e la prima squadra in B2.

Nella stagione agonistica 1991/1992 l'allenatore Orlando De Toni porta il Valrendena a iscrivere le squadre under 9-11-13-15 nei rispettivi campionati provinciali; la prima squadra ancora nel campionato nazionale B2. In questa stagione due nostri atleti Michele Cereghini e Fabio Armani vengono chiamati nella Nazionale Italiana Under 18.

Nel 1993 l'uscita dello sponsor principale [la S.P.A. Maffei] determina la mancato iscrizione al campionato B2.